• Home
  • /
  • Complesso rupestre S. Liberatore

Complesso rupestre S. Liberatore

Serramonacesca (PE)

Situato a 200 m prima dell’arrivo a San Liberatore sotto una paretina rocciosa a 20 m dalla strada. Si tratta di un piccolo complesso rupestre poco visibile a causa della folta vegetazione che porta anche i visitatori a doversi destreggiare tra i rovi per aprirsi un varco. Arrivando al luogo si viene subito colpiti da un frontone che è stato ricavato da una breve incisione sulla parete e poggia su due colonne appena incise. Una di queste colonne viene interrotta dall’ingresso della prima cella. L’ingresso a tale cella è alto 1,70 m e largo 1,30m mentre la pianta interna che è pseudorettangolare ha una volta molto irregolare. Sul lato sinistro è stato ricavato un sedile che percorre tutta la parete. All’interno si nota come interventi successivi alla costruzione abbiano, attraverso il metodo della scalpellatura, variato ed ampliato le dimensioni interne e si pensa che in epoca recenta sia stata usata come ricovero per gli animali. Interessante è il lavoro fatto sopra i due fori presenti,, ottenuti tramite canaletti comunicanti che evitavano che l’acqua filtrasse ed entrasse nella cella. Vi è presente una seconda cella con altezza massima 1,78m e presenta una forma quadrata con volta regolare a botte con un arco a sesto molto ribassato. L’ingresso presenta un battente, dei buchi per i cardini ed una piccola soglia. Il prospetto inciso sulla soglia conferisce al luogo la sua destinazione.

Si presume che l’opera sia nata per volontà dei monaci benedettini di S. Liberatore che la utilizzavano o per ricavarvi delle tombe o per realizzare delle celle eremitiche. Non è da escludere, inoltre, che sia stata utilizzata successivamente come ricovero. Dal piazzale antistante la chiesa di San Liberatore a Maiella, il sentiero porta, in pochi minuti, sulla riva del fiume Alento. Costeggiando in salita la sua riva destra, si arriva in località ‘San Giuvannelle’, dove ad una quota superiore, sono collocate delle tombe rupestri scavate nella roccia, a forma di sarcofago sormontate da un arcosolio. Le caratteristiche dell’area rimandano ai centri benedettini e a gruppi monastici.

Itinerario consigliato

 

Ingresso libero

Per info COOPERATIVA S. LIBERATORE

MAIL_info@ilgrandefaggio.it     TEL. +39 08 71 89 814

Back to Top