• Home
  • /
  • S. Bartolomeo in Legio

S. Bartolomeo in Legio

Roccamorice (PE)

L’eremo di S. Bartolomeo in Legio si erge a 6000 metri di quota nei pressi del Vallone San Bartolomeo nelle vicinanze di Roccamorice. Fu costruito da Pietro da Morrone nel XIII secolo , ricostruìto nel 1250. Per raggiungerlo bisogna percorrere partire dal bivio per S.Spirito e prendere un sentiero che parte da case e da un complesso di capanne pastorali. Il percorso si arriva sul ciglio del vallone, sotto cui si scorge un nuovo sentiero e croci in ferro. Seguendo le croci in venti minuti si arriva presso l’Eremo risalendo la valle. Lo sviluppo dell’eremo avviene sotto una roccia di 50 metri, forata parzialmente. Ha una grande balconata coperta con accesso tramite quattro scalinate (due all’estremità e due al centro). Superato il tunnel di ingresso vi è la grande balconata dove si trova addossata alla parete una vasca per la raccolta delle acque di scolo. Al centro della balconata vi sono due scalinate, al termine del primo tratto si trova l’accesso alla Scala Santa percorsa solo in salita, in ginocchio e pregando. Sul fronte sinistro tracce di un affresco e ai lati due quadri raffiguranti Cristo e una Madonna con Bambino, quest’ultimi sono deturpati dal tempo e da scritte ed incisioni. La chiesa è lunga 770 m con l’altare con una nicchia dove è riposto il Santo. A metà della parete sinistra vi è la particolarità maggiore:una risorgenza d’acqua sotto un masso squadrato e cavo che tramite un canaletto scorre fuori la chiesa.

L’iconografia più vista del Santo lo raffigura con libro e coltello rifacendosi alla tradizione che lo vuole martire in Oriente scorticato vivo. Dal XVI secolo alcune rappresentazioni forniscono un’altra versione della morte, ovvero per decapitazione. Nel XVI Michelangelo lo rappresenta nella Cappella Sistina con la propria pelle sul braccio e continua a permanere tale iconografia. La statua in legno ha la pella (che sembra una fune) sulla spalla sinistra e la testa che penzola attaccata ad essa e si riuniscono le due versioni della morte. Si festeggia il 25 Agosto, tale mattina la statua del santo veniva portata in braccio da una sola persona a turno.

Itinerario consigliato

Ingresso libero

Per info_COOPERATIVA RIPA ROSSA

MAIL_riparossa.info@gmail.com   TEL. +39 36 64 24 98 66

Back to Top