• Home
  • /
  • S. Liberatore a Majella

S. Liberatore a Majella

Serramonacesca (PE)

L’Abbazia è composta dalla Chiesa e dal Campanile. Prima di questa costruzione sorgeva un monumento più antico collegato in legenda a Carlo Magno anteriore al secolo IX. La datazione è incerta ma i primi documenti risalgono agli anni di Bertario (854- 853 d.c). Devastato da un terremoto fu ricostruito in forme più grandiose tra il 1007 ed il 1009 dall’abate Teobaldo e alla fine dell’XI secolo da Desiderio. Nel secolo XIII l’abate Bernardo I Ayglerio fece adornare le pareti di affreschi e realizzare il pavimento a mosaico cromatesco nella navata centrale. La facciata presenta un doppio spiovente ed un marcapiano la divide. Le lesene della parte superiore corrispondono a semicolonne in quella inferiore unite da arcate a tutto sesto. Nell’architrave presente sul portale di destra vi è la presenza di due leoni simmetrici con deformazione nela dimensione delle teste simbolo della sproporzione tra il Divino ed il mondo materiale. L’interno della chiesa è a tre navate ed è ampio e maestoso. Nella parete del’abside centrale vi è un affresco che riassume avvenimenti di particolare importanza per il monastero con grandi personaggi della storia raffigurati: San Benedetto, il patrizio romano Tertullo, l’imperatore Carlo Magno e il benefatore Sancio. Numerose sono state nel tempo le trasformazioni sotto Carlo I D’Angiò nel 1265-1275 o sotto Bernardo I Ayglerio (1263-1282).

Degna di nota è l’imponente Torre Campanaria di forma quadrangolare posta a lato della facciata e distaccata dalla chiesa di circa 20 cm . La sua posizione lascerebbe pensare che fu concepita come elemento di chiusura del portico. Da una pianta quadrata si sviluppa, fino al livello delle arcate cieche della facciata, un alto basamento con semplici aperture ad arco. A partire dal primo livello si aprono, su ciascuno dei lati, rispettivamente monofore, bifore e trifore secondo la usuale progressione delle luci usata nei campanili medievali. La monofora che si apre sul lato parallelo alla facciata presenta un archivolto scolpito a rilievo.

Itinerario consigliato

Ingresso libero

Per info COOPERATIVA SAN LIBERATORE

MAIL_info@ilgrandefaggio.it   TEL. +39 08 71 89 814

Back to Top