• Home
  • /
  • S. Onofrio al Morrone

S. Onofrio al Morrone

Sulmona (AQ)

Il sentiero che conduce a S. Onofrio è caratterizzato dai muretti a secco tipici della zona. La chiesetta interna è coperta da volte a botte e due altari ai lati con le statue di S.Onofrio e S. Antonio Abate. Uno degli affeschi presenti nella cappella raffigura il Crocefisso con Maria e Giovanni ai lati, purtroppo l’umidità lo ha deteriorato. La volta a botte originariamente era dipinta d’azzurro con stelle ad otto raggi. Tutte le pitture presenti all’interno rivelano l’arte pittorica locale del XIII secolo. Nelle pareti laterali erano presenti altri dipinti andati distrutti nei primi anni del XIV secolo, essi furono sostituiti con altri tra i quali uno raffigurante la figura di Celestino. L’ultima guerra ha portato molti danni soprattutto nel muro a valle. Nel restauro sono state apportante numerose modificazioni rispetto all’aspetto originario, è stata eliminata la volta a botte che copriva la chiesa facendo riemergere il tetto ligneo del 1400 e due affreschi del XV secolo. La zona più suggestiva è l’oratorio e le due successive cellette mentre dal terrazzo del secondo piano si scorge tutta la valle Peligna. Fu l’ultimo eremo fatto costruire da Pietro da Morrone nel 1293 di ritorno dalle solitudini d’Orfento. Trascorse poco più di un anno fino al momento in cui i cinque delegati del Conclave non gli recapitarono l’importante annuncio dell’elezione.

Vi è una grotta situata sotto l’eremo profonda 4-5m e preceduta da un ambiente voltato mentre la grotta. Il pavimento roccioso in salita verso l’interno rende poco abitabile la parte finale, vi sono inoltre una grossa croce di legno ed un incavo con l’acqua. In essa anticamente avveniva il rito dell’incubatio. I fedeli percorrono tutto il perimetro della parte più interna in senso antiorario strofinando le parti doloranti alla parete. Sul fondo dove vi era l’impronta di Pietro ci si coricava. L’acqua partecipa attivamente ai riti perchè ad ogni passaggio nella grotta i fedeli si bagnavano, a tale acqua sono conferite qualità terapeutiche.

 

Itinerario consigliato

 

Ingresso su prenotazione

Per info CENTRO INFORMAZIONI DI PACENTRO

MAIL_lastellaalpina@virgilio.it   TEL. +39 08 64 41 304  –  +39 34 98 47 447

 

Back to Top